Monat: Oktober 2020

L’Iran sta acquistando Bitcoins da Minatori a Bankroll State Imports

I problemi economici dell’Iran hanno costretto il governo a cercare modi alternativi per mantenere in vita la sua economia. Alla fine ha fatto il salto di crittografia e da allora non si è più guardato indietro. Anche se il governo non riconosce ancora le valute criptate come moneta a corso legale, sembra che stia ancora usando il Bitcoin in particolare per fare transazioni.

Tempi felici per i minatori di crittografia in Iran
All’inizio di questa settimana, l’Agenzia di Notizie degli Studenti iraniani ha riferito che il governo del Paese ha incanalato i Bitcoins estratti nel Paese in conti dedicati. Questi fondi, come spiegato nel rapporto, sono stati utilizzati per finanziare le importazioni e diverse altre attività.

Il rapporto citava un mandato della Banca Centrale dell’Iran e del Ministero dell’Energia. Secondo il rapporto, entrambe le agenzie richiedono che i minatori legalmente registrati nel paese vendano i loro gettoni alla Banca Centrale. Quest’ultima troverà il modo di applicare i gettoni, finanziando principalmente le importazioni governative. La mossa ricorda le iniziative di adozione da parte di Paesi come il Venezuela, che sono soggetti a sanzioni e che si sono anche rivolti alle valute crittografiche come tattica di evasione.

Attualmente le cose si stanno stringendo per l’Iran. Gli Stati Uniti si sono ritirati dal famigerato Iran Deal nel 2018, introducendo immediatamente sanzioni contro il Paese per lo sviluppo di armi nucleari. Le sanzioni erano paralizzanti, con clausole che includevano restrizioni all’accesso del Paese alle riserve di dollari. Il Washington Post ha riferito che a partire dal maggio 2019 le esportazioni dal Paese sono crollate a nuovi minimi, mentre altre nazioni vi hanno chiuso le porte.

Di fronte a uno status di paria, l’Iran si è spostato a blockchain per mantenere aperte alcune linee di business. Il Paese ha legalizzato l’estrazione di criptovalute a metà dello scorso anno, impegnandosi a canalizzare la sua ricchezza di risorse di petrolio e gas naturale verso i minatori che avrebbero investito nel Paese.

L’annuncio ha immediatamente scatenato una raffica di minatori nel Paese. Notando che il governo ha raddoppiato la sua strategia e da allora è in sintonia con lo spazio minerario cripto-minerario. Il governo ha introdotto l’obbligo di licenza per tutti i minatori, con l’Iran’s Banking and Economic System Reference Media (IBENA) che a gennaio ha riferito che più di mille entità si sono registrate come minatori.

Vale la pena di notare che il Ministero dell’Industria, Miniera e Commercio iraniano ha rilasciato licenze per altre 14 società nel mese di luglio, secondo un rapporto della Mehr News Agency. La licenza assicura che i minatori continueranno a godere dell’elettricità iraniana a prezzi relativamente bassi. Per la Mehr News Agency, pagheranno 0,11 dollari per chilowattora (kWh), anche se le tariffe salgono a 0,46 dollari per kWh nella stagione estiva di punta (da giugno a settembre).

Lo Zio Sam non sarà contento

Ora che i minatori sembrano finanziare il governo, si pone la questione di cosa potrebbero fare gli Stati Uniti come ritorsione. Supponendo che il presidente in carica Donald Trump vinca la sua candidatura per la rielezione la prossima settimana, l’amministrazione non sarebbe contenta di scoprire che un governo che l’ha sanzionato sta ancora trovando il modo di fare affari.

L’amministrazione Trump ha già mostrato un possibile disprezzo per le crittocittà e la tecnologia a catena. Se questo odio sia fondato sull’ignoranza dell’industria o su qualcos’altro non è la questione. La percezione che i beni digitali aiutano nelle attività criminali è viva e dilagante.

Quando scopriranno il ruolo della crittografia nell’aiutare l’Iran, non saranno certo contenti.

Illegal found at the Italian airport

Law enforcement officers discovered illegal farms for Ethereum Mining (ETH) at the Italian city of Lamezia Terme airport, Rai News reports.

The miner was a 41-year-old specialist from Sacal, which operates airports in the province of Calabria. The technician was responsible for the computer infrastructure at the resort town’s air hub.

According to the postal police, he installed malware and used Sacal’s IT infrastructure to mint the cryptographic currency, compromising the airport’s cyber security.

Employees of the company, having discovered anomalies in the systems, turned to law enforcement. Police officers, with the help of the administration, investigated and found five Ethereum Mining Units (ETH) connected to the airport’s electricity network Bitcoin Cycle in two technical rooms.

During the investigation, police officers identified IP addresses related to the management of devices connected to the Ethermine mining pool.

The miner was calculated from security camera records. According to the report, the investigation continues to establish whether he has any accomplices. How much the intruder has earned and what damage he has done is not reported.

It should be reminded that the Nizhny Novgorod Region’s power engineers recorded damage from the discovered cases of illegal mining in the amount of 16 million rubles.

Subscribe to ForkLog news in Telegram: ForkLog Feed – all news feed, ForkLog – the most important news and surveys.